FONDO DI GARANZIA SOSTEGNO ALL’IMPRENDITORIA GIOVANILE, FEMMINILE E DEI LAVORATORI GIÀ DESTINATARI DI AMMORTIZZATORI SOCIALI

Data di scadenza: Bando aperto

Soggetti Beneficiari e settori economici interessati

Possono presentare domanda per accedere alla garanzia:
a) Piccole Imprese di nuova costituzione: Piccole Imprese giovanili, femminili e di lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali la cui costituzione è avvenuta nel corso dei due anni precedenti alla data di presentazione della domanda di accesso all’agevolazione oppure la cui costituzione avviene entro sei mesi dalla data di adozione del provvedimento di concessione dell’agevolazione;
b) Piccole Imprese in espansione: Piccole Imprese giovanili e femminili costituite da almeno due anni e da non oltre i cinque anni precedenti la data di presentazione della domanda di accesso all’agevolazione.

Imprese giovanili sono le Piccole Imprese in possesso di uno dei seguenti requisiti:

i) l’età del titolare dell’impresa non deve essere superiore a 40 anni;

ii) l’età dei rappresentanti legali e di almeno il 50% dei soci, che detengono almeno il 51% del capitale sociale, ad esclusione delle società cooperative, non deve essere superiore a 40 anni. Il capitale sociale deve essere interamente sottoscritto da persone fisiche;

iii) l’età dei rappresentanti legali e di almeno il 50% dei soci lavoratori che detengono almeno il 51% del capitale sociale delle società cooperative, non deve essere superiore a 40 anni. L’assunzione di partecipazioni nel capitale sociale dei fondi mutualistici per la promozione e lo sviluppo della cooperazione, di cui agli articoli 11 e 12 della L. 59/1992, non è preclusiva all’accesso all’agevolazione.

Imprese femminili sono le Piccole Imprese in possesso di uno dei seguenti requisiti:

i) la titolare dell’impresa deve essere donna;

ii) i rappresentanti legali e almeno il 50% dei soci, che detengono almeno il 51% del capitale sociale, ad esclusione delle società cooperative, devono essere donne. Il capitale sociale deve essere interamente sottoscritto da persone fisiche;

iii) i rappresentanti legali e almeno il 50% dei soci lavoratori che detengono almeno il 51% del capitale sociale delle società cooperative devono essere donne. L’assunzione di partecipazioni nel capitale sociale dei fondi mutualistici per la promozione e lo sviluppo della cooperazione, di cui agli articoli 11 e 12 della L. 59/1992, non è preclusiva all’accesso all’agevolazione.

Imprese di lavoratori destinatari di ammortizzatori sociali sono le Piccole Imprese costituite da soggetti che abbiano usufruito di ammortizzatori sociali per un periodo minimo di 6 mesi nei 12 mesi precedenti la data di costituzione dell’impresa ed in possesso di uno dei seguenti requisiti:

i) il titolare dell’impresa deve essere stato destinatario di ammortizzatori sociali;

ii) i rappresentanti legali e almeno il 50% dei soci, che detengono almeno il 51% del capitale sociale, ad esclusione delle società cooperative, devono essere stati destinatari di ammortizzatori sociali. Il capitale sociale deve essere interamente sottoscritto da persone fisiche;

iii) i rappresentanti legali e almeno il 50% dei soci lavoratori che detengono almeno il 51% del capitale sociale delle società cooperative devono essere stati destinatari di ammortizzatori sociali.

L’assunzione di partecipazioni nel capitale sociale dei fondi mutualistici per la promozione e lo sviluppo della cooperazione, di cui agli articoli 11 e 12 della L. 59/1992, non è preclusiva all’accesso all’agevolazione.

Le Piccole Imprese ammissibili alla garanzia sono quelle esercitanti o che andranno ad esercitare un’attività economica, identificata come prevalente nell’unità locale che realizza il programma di investimento, rientrante nelle seguenti sezioni della Classificazione delle attività economiche Ateco Istat 2007:

B – Estrazione di minerali da cave e miniere
C – Attività manifatturiere
D – Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata

E – Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento
F – Costruzioni

G – Commercio all’ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli e motocicli

H – Trasporto e magazzinaggio

I – Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione
J – Servizi di informazione e comunicazione

M – Attività professionali, scientifiche e tecniche

N – Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese

Q – Sanità e assistenza sociale, ad esclusione di 86.1 (Servizi ospedalieri)

R – Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento, ad esclusione di 92 (Attività riguardanti le lotterie, le scommesse, le case da gioco)

S – Altre attività di servizi, ad esclusione di 94 (Attività di organizzazioni associative)


Caratteristiche dell’intervento e misura dell’agevolazione

La garanzia è rilasciata ai soggetti finanziatori per un importo massimo garantito non superiore all’80% dell’importo di ciascuna operazione finanziaria.

L’importo massimo garantito è pari a € 250.000,00 per singola impresa, tenuto conto dell’esposizione residua alla data di presentazione della domanda di garanzia.

In ogni caso l’importo massimo garantito in favore di una singola impresa non potrà mai superare il 25% dell’importo del fondo di garanzia al netto delle perdite liquidate.

L’importo massimo per singola operazione finanziaria è pari a € 312.500,00.

Sui finanziamenti garantiti il soggetto finanziatore non può acquisire garanzie reali, bancarie e assicurative.

Interventi finanziabili e Spese Ammissibili

Finanziamenti, ivi comprese le operazioni di locazione finanziaria finalizzati a investimenti che devono essere effettuati nel territorio della Regione Toscana successivamente alla data di presentazione della domanda di agevolazione e che devono essere integralmente effettuati e pagati entro e non oltre il 31.03.2017.

Le spese ammissibili sono relative a:

impianti industriali; macchinari; attrezzature; arredi;

opere murarie e assimilate, se funzionalmente correlate agli investimenti in impianti, macchinari o attrezzature;

impiantistica aziendale;

acquisizione di diritti di brevetto, licenze, marchi;

avviamento;

servizi di consulenza, ivi compresa la predisposizione del piano di impresa. Il costo del piano di impresa non può eccedere il 3% dell’investimento complessivo e l’importo di Euro 5.000,00;

attività promozionali;
costi di brevetto e altri diritti di proprietà industriale;

 

Procedure operative, data di apertura e chiusura del bando

La domanda di garanzia, può essere presentata a partire dal 1.10.2015 e fino alla data del 30.06.2016.
La garanzia deve essere richiesta per operazioni non ancora deliberate dai soggetti finanziatori.
La garanzia è gratuita.
Il tasso di interesse applicato all’operazione finanziaria deve rispettare il limite massimo di tassi stabiliti nel Protocollo d’intesa, come siglato tra la Regione, le Banche e il Soggetto gestore.

 

Disclaimer
Il presente documento ha il solo scopo di fornire una sintesi informativa della misura in parola; per maggiori dettagli o approfondimenti si rimanda alla normativa di riferimento ufficiale ovvero a contattare i ns. uffici anche tramite l’attivazione “contatti” presente nel ns. sito.