Toscana: contributi per il sostegno dei contratti di solidarietà

Data di scadenza: Fino ad esaurimento fondi

Fondo a sostegno del reddito dei lavoratori che aderiscono ai contratti di solidarietà quali elemento di miglior scelta possibile fra gli strumenti finalizzati alla conservazione e alla salvaguardia del posto di lavoro e delle competenze (contratti di solidarietà difensivi), ovvero per l’ampliamento dell’organico delle aziende (contratti di solidarietà espansivi).

 

Con Decreto dirigenziale n. 5855 del 23 dicembre 2013, pubblicato sul Bur n. 2 del 15 gennaio 2014, sono state apportate modifiche al Decreto 4544/2013.

 

Descrizione

 

Obiettivo della Regione è agevolare tutte le forme di tutela del reddito che privilegiano il mantenimento dei livelli occupazionali e la possibilità di non perdere, da parte dei lavoratori interessati da processi di ristrutturazione delle aziende investite da processi di crisi, la professionalità acquisita.

 

I beneficiari sono dipendenti da aziende individuate dal D.L. 30.10.1984 n. 726, convertito in L. 19.12.1984 n. 863, L. 19.7.1993 n. 236, L. 608/1996, D.P.R. 10.6.2000, n 218, Decreto Ministero del Lavoro del 20.8.2002 e ulteriori integrazioni e modifiche, comprensive quindi delle imprese alberghiere, aziende termali pubbliche e private operanti nelle località termali che presentano gravi crisi occupazionali, imprese artigiane non rientranti nel campo di applicazione del trattamento straordinario di integrazione salariale.

 

Nel caso di imprese artigiane, si ha la possibilità dell’erogazione dell’intero importo spettante al lavoratore da parte degli Enti Bilaterali in attesa del decreto ministeriale di approvazione della domanda di integrazione.

 

E' previsto uno stanziamento di 1 milione di euro.

 

Agevolazione

 

Regionale

 

 

Stanziamento € 1.000.000

 

Soggetto gestore Regione Toscana

 

 

Sede Soggetto Gestore

 

  • Continente: Europe

 

  • Nazione: Italy

  • Regione: Toscana

  • Provincia: Firenze

 

 

Beneficiari e Finalitá

 

Beneficiari

 

  • Consorzio

 

  • Impresa o Professionista

  • Cooperativa

 

Dimensione Beneficiari

 

  • micro impresa

 

  • piccola impresa

  • media impresa

  • grande impresa

 

Settore

 

  • Industria

 

  • Turismo

  • Commercio

  • Costruzioni

  • Audiovisivo

  • Servizi

  • ICT

  • Trasporti

  • Energia

  • Pesca e Affari marittimi

  • Sanità

  • Cultura

  • Farmaceutico

  • Alimentare

 

Finalita'

 

  • Sviluppo

 

  • Sociale - Cooperazione

 

Ubicazione Investimento

 

  • Regione:

 

  • Toscana

 

 

Incentivi e Spese

 

 

 

 

Tipologia agevolazione

 

Contributo

 

 

Descrizione incentivi e spese

 

La Regione, verificato con le sedi INPS competenti per territorio, ovvero con l’Ente Bilaterale nel caso delle imprese artigiane, l'autorizzazione del contratto di solidarietà, verificata la regolarità di quanto anticipato, integra il reddito dei lavoratori interessati con cadenza trimestrale per un importo pari al 20% della retribuzione.

 

E’ destinato un massimo del 10% dell’importo complessivo che viene messo a disposizione per interventi di sostegno, con le forme e modalità sopra definite, per i contratti di solidarietà espansivi.

 

Tempi e Scadenze

 

Tempistica investimento

 

Trimestralmente l'azienda, ovvero l’Ente Bilaterale, trasmettono alla Regione l'utilizzo in ore ed il personale interessato ai contratti di solidarietà difensivi.

 

Note e Links

 

Note Adempimenti

 

Le aziende trasmettono in copia alla Regione Toscana il decreto attuativo emesso dal Ministero del Lavoro e pubblicato sulla G.U. recante l'autorizzazione all'intervento, trasmettendo altresì l'allegato al modello CIGS - Solid. 1 contenente l'elenco nominativo dei lavoratori e le modalità di intervento dei contratti di solidarietà e la domanda di autorizzazione presentata all'INPS provinciale e chiedendo, per i dipendenti interessati, l'intervento della Regione.

 

Al fine di uniformare i tempi di erogazione del contributo per le imprese artigiane, qualora l’Ente Bilaterale di riferimento provveda all’erogazione dell’intero importo spettante al lavoratore come previsto dalla normativa, la Regione provvede all’erogazione del proprio contributo pur in attesa del decreto ministeriale.

 

 

Per maggiori informazioni consultare i Links.

 

________________

 

Con Decreto n. 4817 del 23 settembre 2010, pubblicato sul BUR n. 41 del 13 ottobre 2010, sono state approvate le richieste di concessione di integrazione al reddito pervenute al 1° di agosto 2010.

 

Con Decreto n. 1987 del 18 Maggio 2011, sono state approvate le richieste di concessione di integrazione al reddito per i lavoratori che aderiscono ai contratti di solidarietà.

 

Con decreto n. 2438 del 13 giugno 2011, pubblicato sul BUR n. 26 del 29 giugno 2011, è stata pubblicata la modifica al decreto n. 1987/2011 “Approvazione richieste di concessione di integrazione al reddito per i lavoratori che aderiscono ai contratti di solidarietà”.

 

Con decreto n. 3067 del 13 luglio 2011, pubblicato sul BUR n. 31 del 3 agosto 2011, sono state approvate le richieste di concessione di integrazione al reddito per i lavoratori che aderiscono ai contratti di solidarietà a valere sul bando in oggetto.

 

 

Con decreto n. 4676 del 25 ottobre 2011, pubblicato sul BUR n. 45 del 9 novembre 2011, sono state approvate le richieste di concessione di integrazione al reddito per i lavoratori che aderiscono ai contratti di solidarietà.

 

 

Con decreto n. 5314 del 24 novembre 2011, pubblicato sul BUR n. 49 del 7 dicembre 2011, sono state approvate le richieste di concessione di integrazione al reddito per i lavoratori che aderiscono ai contratti di solidarietà.

 

Con decreto n. 5549 del 2 dicembre 2011, pubblicato sul BUR n. 51 del 21 dicembre 2011, sono state approvate le modifiche al decreto n. 4593 del 13 ottobre 2011 con cui venivano approvate le richieste di concessione di integrazione al reddito a valere sul bando in oggetto.

 

Con decreto n. 6006 del 21 dicembre 2011, pubblicato sul BUR n. 2 dell'11 gennaio 2012, sono state approvate le richieste di concessione di integrazione al reddito per i lavoratori che aderiscono ai contratti di solidarietà.

 

 

Con Decreto dirigenziale n. 89 del 13 gennaio 2012, pubblicato sul Bur n. 5 del 1 febbraio 2012, sono state approvate le richieste di concessione di integrazione di reddito per i lavoratori che aderiscono ai contratti di solidarietà.

 

Con Decreto dirigenziale n. 2103 del 10 maggio 2012, pubblicato sul Bur n. 22 del 30 maggio 2012, sono state approvate le richieste di concessione di integrazione al reddito per i lavoratori che aderiscono ai contratti di solidarietà.

 

Con Decreto dirigenziale n. 2389 del 4 giugno 2012, pubblicato sul Bur n. 25 del 20 giugno 2012, sono state approvate le richieste di concessione di integrazione al reddito per i lavoratori che aderiscono ai contratti di solidarietà.

 

Con Decreto dirigenziale n. 3135 del 13 luglio 2012, pubblicato sl Bur n. 31 del 1 agosto 2012, sono state approvate le richieste di concessione di integrazione al reddito per i lavoratori che aderiscono ai contratti di solidarietà.

 

Con Decreto dirigenziale n. 3896 del 21 agosto 2012, pubblicato sul Bur n. 37 del 12 settembre 2012, sono state approvate le richieste di concessione di integrazione al reddito per i lavoratori che aderiscono ai contratti di solidarietà.

 

Con Decreto dirigenziale n. 4144 dell'11 settembre 2012, pubblicato sul Bur n. 39 del 26 settembre 2012, sono state approvate le richieste di concessione di integrazione al reddito per i lavoratori che aderiscono ai contratti di solidarietà.

 

Con Decreto dirigenziale n. 4986 del 23 ottobre 2012, pubblicato sul Bur n. 45 del 7 novembre 2012, sono state approvate le richieste di concessione di integrazione al reddito per i lavoratori che aderiscono ai contratti di solidarietà.

 

Con Decreto dirigenziale n. 5762 del 5 dicembre 2012, pubblicato sul Bur n. 51 del 19 dicembre

 

 

Con Decreti dirigenziali n. 182 e 184 del 22 e 25 gennaio 2013, pubblicati sul Bur n. 7 del 13 febbraio 2013, è stato concesso la modifica dell'importo per i contributi ammessi con Decreti dirigenziali. n. 4144/2012 e 6080/2012.

 

Con Decreto dirigenziale n. 235 del 25 gennaio 2013, pubblicato sul Bur n. 7 del 14 febbraio 2013, sono state approvate le richieste di concessione di integrazione al reddito per i lavoratori che aderiscono ai contratti di solidarietà.

 

Con Decreto dirigenziale n. 869 del 12 marzo 2013, pubblicato sul Bur n. 14 del 3 aprile 2013, sono state approvate le richieste di concessione di integrazione al reddito per i lavoratori che aderiscono ai contratti di solidarietà.

 

Con Decreto dirigenziale n. 1393 del 17 aprile 2013, pubblicato sul Bur n. 18 del 2 maggio 2013, sono state approvate le richieste di concessione di integrazione al reddito per i lavoratori che aderiscono ai contratti di solidarietà.

 

Con Decreto dirigenziale n. 1562 del 24 aprile 2013, pubblicato sul Bur n. 20 del 15 maggio 2013, sono state approvate le richieste di concessione al reddito per i lavoratori che aderiscono ai contratti di solidarietà.

 

Con Decreto dirigenziale n. 1867 del 17 maggio 2013, pubblicato sul Bur n. 23 del 5 giugno 2013, sono state apportate modifiche al Decreto dirigenziale 869/2013 con cui venivano approvate le richieste.

 

Con Decreti dirigenziali n. 2033 del 22 maggio 2013 e n. 2073 del 30 maggio 2013, pubblicati sul Bur n. 24 del 12 giugno 2013, sono state approvate le richieste di concessione di integrazione al reddito per lavoratori che aderiscono ai contratti di solidarietà.

 

Con Decreto dirigenziale n. 2479 del 19 giugno 2013, pubblicato sul Bur n. 27 del 3 luglio 2013, sono state approvate le richieste di concessione di integrazione al reddito a valere sul bando in oggetto.

 

Con Decreti dirigenziali n. 3165 e n. 3167 del 1 agosto 2013, n. 3204, 3205, 3206 e 3207 del 6 agosto 2013, pubblicati sul Bur n. 34 del 21 agosto 2013, sono state approvate le richieste di concessione di integrazioni al reddito e apportate modifiche ai decreti 2479/2013, 2073/2013 e 2033/2013.

 

Con Decreti dirigenziali n. 3827 e n. 3828 del 16 settembre 2013, pubblicati sul Bur n. 40 del 2 ottobre 2013, sono state approvate le richiesta di concessione di integrazioni al reddito.

 

Con Decreti dirigenziali n. 4043 e n. 4044 del 1 ottobre 2013, pubblicati sul Bur n. 42 del 16 ottobre 2013, sono state approvate le richieste di concessione di integrazioni al reddito.

 

Con Decreto dirigenziale n. 4281 del 9 ottobre 2013, pubblicato sul Bur n. 44 del 30 ottobre 2013, sono state approvate le richieste di concessione di integrazione al reddito per i lavoratori che aderiscono ai contratti di solidarietà.

 

Con Decreto dirigenziale n. 4544 del 28 ottobre 2013, pubblicato sul Bur n. 46 del 13 novembre 2013, sono state approvate le richieste di concessione di integrazione al reddito a valere sul bando in oggetto.

 

Con Decreto dirigenziale n. 4731 dell'8 novembre 2013, pubblicato sul Bur n. 47 del 20 novembre 2013, sono state apportate modifiche al decreto 4044/2013 con cui venivano approvate le richieste di concessione di integrazioni al reddito.

 

 

Con Decreto dirigenziale n. 4781 dell'8 novembre 2013, pubblicato sul Bur n. 46 del 27 novembre 2013, sono state apportate modifiche al Decreto n. 4043/2013 con cui venivano approvate le richieste di concessione di integrazioni al reddito.

 

Con Decreto dirigenziale n. 4907 del 20 novembre 2013, pubblicato sul Bur n. 49 del 4 dicembre 2013, sono state approvate le richieste di concessione di integrazioni al reddito.

 

Con Decreto dirigenziale n.5305 del 9 dicembre 2013, pubblicato sul Bur n. 51 del 18 dicembre 2013, sono state approvate le richieste di concessione di integrazioni al reddito.

 

Con Decreto dirigenziale n.5554 del 13 dicembre 2013, pubblicato sul Bur n. 52 del 24 dicembre 2013, sono state approvate le richieste di concessione di integrazioni al reddito.

 

Con Decreto dirigenziale n. 5639 del 16 dicembre 2013, pubblicati sul Bur n. 53 del 31 dicembre 2013, sono state apportate modifiche al Decreto n. 4907/2013.

Disclaimer
Il presente documento ha il solo scopo di fornire una sintesi informativa della misura in parola; per maggiori dettagli o approfondimenti si rimanda alla normativa di riferimento ufficiale ovvero a contattare i ns. uffici anche tramite l’attivazione “contatti” presente nel ns. sito.